Articles

bob_rugurija_pape

Lettre de Pancrace CIMPAYE au Saint Père traduite en langue italienne

Oggetto: Per la memoria delle suore Olga Raschietti,
Lucia Pulici e Bernadette Boggia,  si degni Santo Padre di intercedere
per il rilascio del giornalista burundese Bob Rugurika.

Santo Padre,

il 7 settembre 2014 alle ore 16, le suore italiane Olga Rachietti e Lucia Pulici della Parrocchia Guido Maria Conforti di Kamenge nell’arcidiocesi di Bujumbura nella Repubblica del Burundi, sono state vilmente uccise come fossero animali. Alle 2 del mattino, l’8 settembre 2014, una terza suora italiana, Bernadette Boggia, è stata ugualmente sgozzata sotto l’occhio “vigile” e complice della polizia burundese che sorvegliava sulla sicurezza dei luoghi interessati dal primo atto spregevole.
Il governo del Burundi, per voce del Primo Vice-presidente e del portavoce del governo ha versato lacrime di coccodrillo e, successivamente, è stato indicato, coscientemente, un falso colpevole, per di più mentalmente squilibrato. E’ così che Radio Publique Africaine, la radio più ascoltata del Burundi, guidata dal giornalista Bob Rugurika, ha avviato delle indagini per evidenziare la nuda verità e il vero volto degli assassini e dei mandanti di questo atto odioso.
A seguito di tali indagini, si è assodato che l’attuale capo dei Servizi Segreti del Burundi, il tenente generale Adolphe Nshimirimana, braccio destro del Presidente della Repubblica Pierre Nkurunziza, è il mandante della decapitazione delle tre suore italiane.

Da alcuni giorni, la Radio Publique Africaine diffonde la sequenza degli eventi di questo atto barbarico.  La stragrande maggioranza del popolo burundese, stravolto da questo atto spregevole che propone un’immagine orribile del Burundi, saluta calorosamente queste rivelazioni che indicano i nomi degli assassini di queste tre suore.
Tuttavia, i carnefici smascherati sono agitati e furiosi.  E’ così che viene ordinato, Martedì 20 Gennaio 2015, l’arresto arbitrario del direttore di Radio Publique Africaine, signor Bob Rugurika.
Santo Padre,

con la presente, ho l’onore di rivolgermi a Sua Santità al fine di implorarLa di intercedere presso il governo burundese affinché il giornalista Bob Rugurika, direttore di Radio Publique Africaine venga rilasciato senza condizioni e che i veri assassini delle tre suore, Olga Raschietti, Lucia Pulici e Bernadette Boggia vengano tradotti a giustizia.
Attraverso Sua Santità, io interpello il Parlamento Italiano affinché, anch’Esso, si occupi della decapitazione delle tre cittadine italiane. L’impunità di questo crimine odioso permette agli stessi carnefici di perpetrare i loro crimini, soprattutto in questo momento in cui il Burundi sta affrontando una escalation elettorale di tutti i pericoli. Per la memoria delle nostre sorelle scomparse e per la protezione dei sopravvissuti burundesi, invocate la liberazione di Bob Rugurika e la punizione di questo crimine degno di un’altra epoca.
Per finire, chiederei a Sua Santità di continuare a pregare per il Burundi che nella prima metà di quest’anno affronta un periodo di turbolenza elettorale, e chiedo la paterna benedizione.
Sua Santità sia assicurata del mio più profondo rispetto.
Il suo devoto e umile servitore,
Pancrace Cimpaye,
Cristiano dell’Unità pastorale di Charleroi
Chiesa di S. Antonio
Diocesi di Tournai